Investimenti esteri nel real estate italiano in crescita nel 2017

investimenti esteri nel real estate italiano

Come appaiono le prospettive del real estate italiano per il 2017? Più che positive, secondo quanto emerge da uno studio condotto da Cbre sugli investitori nazionali e internazionali del settore, con ben il 47% degli intervistati che ha dichiarato di voler investire nel panorama immobiliare del Bel Paese.

Rispetto al 2016 il trend resta molto positivo, con una buona prevalenza di attori stranieri intenzionati ad investire nel settore residenziale del nostro paese. Sembra, dunque, allontanarsi la profonda crisi immobiliare che ha colpito il mercato italiano negli ultimi otto anni. L’interesse verso il real estate era sceso del 30%, mostrando un rinnovato interesse solo in anni più recenti e generando, dunque, un aumento delle compravendite e della richiesta di mutui.

Quali sono i settori più interessati?

Dallo studio di Cbre emerge che i settori maggiormente interessati dal trend in crescita sono: l’high street in primis, con il 18% di preferenze, seguito dagli uffici con il 16% e dai centri commerciali con il 14%. La  maggioranza delle richieste  proviene da Stati Uniti e Gran Bretagna, con Francia, Belgio, Germania, Paesi Scandinavi, Canada e Russia a seguire subito dietro.

In controtendenza il trend della domanda Svizzera, in leggera flessione rispetto allo scorso anno; ad attirare maggiormente l’interesse dei cittadini stranieri Toscana, Liguria e Puglia (le più gettonate anche nel 2012), con Lombardia, Sicilia e Sardegna ad inseguire.investimenti esteri nel real estate italiano

L’utente straniero ricerca in particolare abitazioni situate nell’entroterra – lontane dal caos della grande città – dalle quali risulti però piuttosto agevole raggiungere il centro città. Tra le grandi città, per il momento Milano registra le migliori prospettive di recupero, registrando già un incremento nelle quotazioni dell’1 – 2%.

Alla fine del 2016 in Italia i volumi di investimento sono arrivati a 9,1 miliardi di euro, suddivisi soprattutto tra le due città di Milano e Roma, sebbene anche gli altri mercati abbiano registrato una positiva crescita, compresi quelli minori.

Tali volumi di investimento si sono concentrati soprattutto negli uffici, nel retail e nel settore alberghiero. Nei primi tre mesi del 2017 sono stati investiti 445 milioni di euro nel settore.

I prezzi restano stabili

In questo trend di crescita, iniziato nel 2014 e che si riconferma per il quarto anno consecutivo, rimane la questione prezzi, ancora stabili e con il segno negativo. Tale situazione resta piuttosto precaria e fortemente soggetta ai cambiamenti negli scenari politici ed economici nazionali ed internazionali.

Il 2017 sembra però essere l’ultimo anno utile per acquistare casa a prezzi più che convenienti e con tassi di interesse per i mutui ancora ai minimi. Il rinnovato interesse per il mattone, infatti, porterà ad un rialzo dei prezzi.

Consulta lo Studio Notarile Luigi Russo per ogni tuo dubbio

Cerchi una consulenza legale mirata per valutare l’acquisto di un immobile? Lo Studio Notarile Luigi Russo saprà consigliarvi al meglio su come muovervi nel settore del real estate per valutare l’eventuale acquisto di un immobile nuovo o da ristrutturare. Chiamaci per una consulenza allo 075.5053806 (sede di Perugia) o allo 075.8011211 (Sede di Bastia Umbra). Saremo felici di aiutarti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *