Il mercato residenziale non ristrutturato vale 50 miliardi

mercato residenziale

Sapevate che il patrimonio residenziale italiano non ristrutturato ha oggi raggiunto un valore di ben 50 miliardi di euro? Se possedete un immobile costruito prima del 1990 e mai ristrutturato da allora, esso fa parte di questo potenzialmente ricco mercato, che potrebbe sbloccarsi a breve.

E’ stato presentato a marzo il Primo Rapporto sul recupero edilizio in Italia, realizzato da Scenari Immobiliari e Paspartu Italy. Dallo studio emergono dati interessanti sul patrimonio immobiliare del Bel Paese che vale la pena conoscere, soprattutto per chi è in procinto di acquistare casa o avviare delle ristrutturazioni.

Il mercato delle ristrutturazioni conta oltre 10 milioni di edifici residenziali non ristrutturati (ben l’80% dello stock totale) che potrebbero incrementare il valore del patrimonio immobiliare italiano. Basti pensare che il 19% delle compravendite attualmente in atto riguarda residenze da ristrutturare.

mercato residenziale

Se a tutte le abitazioni vuote che necessitano di un rinnovamento per poter essere abitate, aggiungiamo le case dello stock che sono già occupate ma che avrebbero bisogno di alcuni interventi di restaurazione, arriviamo ad un valore complessivo di 50 miliardi.

Cosa si intende per “ristrutturazione”

Nel Rapporto presentato da Scenari Immobiliari è descritto in maniera dettagliata il plusvalore ottenibile dalla ristrutturazione di un immobile.

In particolare, per “interventi di ristrutturazione” si intende: operazioni di demolizione, rimozione e ricostruzione dei tramezzi, pavimenti, rivestimenti, intonaci, rasature, impianto di riscaldamento e condizionamento dell’aria, impianto elettrico, infissi e opere da imbianchino.

Un dato molto interessante da considerare è che il plusvalore dell’immobile dopo la ristrutturazione può raggiungere fino al 35% del suo prezzo (in base anche alla zona dove è ubicato). In questo modo, se il prezzo medio di una casa da ristrutturare è di 100mila euro, la stessa abitazione ristrutturata ne varrà 145mila. I 10 capoluoghi italiani in cui si raggiunge il plusvalore più elevato a seguito di una ristrutturazione sono: Roma, Venezia, Firenze, Napoli, Bari, Milano, Bologna, Brescia, Catania e Genova.

I vantaggi della ristrutturazione

I vantaggi di una ristrutturazione, del resto, sono considerevoli e contemplano una serie di agevolazioni economiche concesse dalle politiche governative con l’Ecobonus previsto dalla Legge di Stabilità.

Recuperare il patrimonio immobiliare italiano, infatti, significa innanzitutto fare un passo importante verso l’ambiente, migliorando le performance energetiche della casa e risparmiando sulle bollette di riscaldamento e condizionamento.

Questo porta necessariamente ad un miglioramento notevole della qualità della vita degli inquilini, con un’abitazione più calda d’inverno e più fresca in estate. A ciò si aggiunge la questione della sicurezza: i nuovi appartamenti ristrutturati seguono per legge tutti i nuovi standard in tema di sicurezza, dagli interventi anti-sismici all’allarme, ai serramenti anti-effrazione.

Infine, un appartamento ristrutturato è sicuramente un investimento perché aumenta il valore dell’immobile e questo è un vantaggio anche in ottica di una possibile vendita futura.

Affidati allo Studio Notarile Luigi Russo per un consulto

Se stai pensando di acquistare un’abitazione da ristrutturare, affidati allo Studio Notarile Luigi Russo per una consulenza mirata. Chiamaci allo 075.5053806 (Sede di Perugia) 075.8011211 (Sede di Bastia Umbra) oppure compila il form sul nostro sito per chiarire qualsiasi dubbio. Siamo qui per aiutarti!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *